Comune di Pietrastornina » Conosci la città » Monumenti e Chiese » Palazzo Baronale - Palazzo Campobasso

Palazzo Baronale - Palazzo Campobasso

palazzo ex baronaleSecoli XVII - XVIII - XIX - XX
Lo stemma gentilizio posto sopra il portale di accesso reca incisa la data del 1614.

È molto presumibile che l’edificazione del palazzo risalga proprio al primo decennio del XVII secolo, visto che Cesare Pagano, primo barone di Pietrastornina, acquistò dai monaci verginiani il «suolo diruto della cappella della SS. Annunziata». L’acquisto del suolo avvenne nel 1587, tuttavia l’edificazione del palazzo fu voluta da Ugone Pagano, che nel 1600 aveva ereditato il feudo dal padre. Il palazzo fu in seguito acquistato dalla famiglia Lottiero d’Aquino e nel 1745 l’immobile è censito nel catasto onciario come dimora del Principe della Pietra, con una consistenza di «30 membri superiori e inferiori». Ma già nel 1773 il feudatario non risiedeva più in paese, e all’inizio dell’Ottocento l’edificio dell’illustre possessore versava in stato di collabenza, i vani censiti erano diventati 14, e si era già dato luogo al frazionamento della proprietà. Nel 1816 il palazzo risulta intestato ad un ricco possidente locale, tale Gaetano De Luca di Giovanbattista; saranno proprio i suoi eredi che in seguito si divideranno il piano nobile, e creeranno un nuovo ingresso all’edificio aperto sulla Traversa di Via Torre (attuale traversa di Via A. Damiani). Negli anni Venti del Novecento questa parte del palazzo fu occupata dalla locale arma dei carabinieri. In quegli anni (nel 1925), una disastrosa alluvione distrusse l’ala Sud del palazzo, quella costruita sopra il sottostante Torrente S. Martino. Nel 1973 gran parte dell’edificio fu acquistata dagli attuali proprietari. Alla metà degli anni Ottanta del Novecento, l’edificio ha subito un grosso intervento di ristrutturazione, che ne ha profondamente alterato la sua originaria consistenza materiale, e cancellato gran parte dei suoi stilemi architettonici.

Il testo è stato tratto dalla catalogazione dei Beni Storico Architettonici redatta dall'Arch. Giuseppe De Pascale. (L.R. 26/2002).

indietro

 

Comune di Pietrastornina
Piazzale Salvatore Iermano -

già Aldo Moro, 4

 

Tel. 0825.902290 -

Fax 0825.902921

P.I. 00233900646   

     CODICE ISTAT: 064073         

CODICE CATASTALE: G629

CAP: 83015

♦♦♦♦♦♦♦♦♦♦♦♦♦♦♦♦♦♦♦♦♦♦

Codice iPA: c_g629

♦♦♦♦♦♦♦♦♦♦♦♦♦♦♦♦♦♦

Codice Univoco per Fatturazione Elettronica:

UFLC3D 

************************

CONTO DI TESORERIA UNICA PRESSO LA BANCA D’ITALIA

da utilizzare da parte di ENTI PUBBLICI

0304574 

IBAN:

IT62H0100003245420300304574

 

************************

IBAN Tesoreria:

BANCO BPM S.P.A.

IT57E0503475400000000089020

BIC: BAPPIT22XXX

******************
Indirizzo di Posta Elettronica Certificata: comune.pietrastornina@asmepec.it
::

Chiusura uffici per il

Santo Patrono (San Biagio):

3 febbraio

 

Uffici aperti anche il sabato:

Tributi/Finanziario - Anagrafe/S.C. - Polizia Municipale

 

Uffici chiusi il sabato:

Protocollo/Segreteria/Elettorale - Segretario Comunale - Ufficio Tecnico

RSS di - ANSA.it

Progetto ALI

Progetto ALI

Cambi di Residenza

Cambi di Residenza

Privacy e Note Legali

HTML 4.01 Valid CSS
Pagina caricata in : 0.497 secondi
Powered by Asmenet Campania