Comune di Pietrastornina » Conosci la città » Uomini illustri » Donato e Giuseppe Massa

Donato e Giuseppe Massa

Secoli XVII - XVIII
La famiglia dei "mastri riggiolari" Massa era composta da tre fratelli: Giuseppe, Donato e Gaetano, i quali, tutti nati a Pietrastornina, avevano lasciato da bambini il paese natio, diretti a Napoli dove appresero l'arte della ceramica.

Donato Massa nacque a Pietrastornina dal padre Biagio nel 1677, vi restò fino al 1684, quando partì per Napoli ove già dimorava Giuseppe; alcuni anni dopo nel 1695 tutta la famiglia dei Massa, si trasferì da Pietrastornina nel borgo Lauretano a Napoli. Nel 1740 i fratelli Giuseppe e Donato Massa portarono a termine il rivestimento del Chiostro di S. Chiara. Giuseppe si occupò della decorazione delle 64 colonne e dei 60 sedili completi di spalliere e di tutte le parti costituite da "tittoli di riggiole", ovvero le parti decorate di forma curva simili a quelle dei tetti.
Al fratello Donato fu affidata invece l'ammattonatura dei viali e del circuito dei chiostri, la decorazione del basso parapetto interno che guarda verso il portico, nonché "riggiole" e mattoni per il giardino; quindi a Donato si devono anche gli elementi plastici della fontana "rocaille" e le grosse sfere in maiolica, di colore verde ramina, che coronano con fantasia il terminale dei due chiostri; inoltre, i porta-vasi maiolicati, per piante di cui ancora qualcuno esiste nel chiostro minore attiguo al refettorio. I paesaggi del circuito del chiostro, ovvero quelli realizzati da Donato, riportano il ricordo delle terre del Sannio e dell'Irpinia. La composizione di questi paesaggi è realizzata con gusto impressionistico e preminentemente pittorico, dando luogo così all'altro aspetto del paesaggismo Napoletano, quello che appuntava le sue ricerche verso la veduta montana resa caratteristica dalla presenza di castelli diruti, motivi di ascendenza rosiana, ma rinverditi dal nuovo gusto per l'estrosità dell'influenza rococò, elementi che furono ripetuti continuamente nel corso del Settecento nelle "intempiature" delle case borghesi a decorazione delle case borghesi a decorazione delle chiancarelle dei solai.
A Donato Massa, in particolare, è intitolato un concorso nazionale di maiolica e ceramica che si è svolto ogni anno, dal 1983 al 1988, nel mese di agosto.

Si rimanda alla Sezione Musei Virtuali per la consultazione del relativo catalogo.

Il Chiostro di Santa Chiara

indietro

 

 

Comune di Pietrastornina
Piazzale Salvatore Iermano -

già Aldo Moro, 4

 

Tel. 0825.902290 -

Fax 0825.902921

P.I. 00233900646   

     CODICE ISTAT: 064073         

CODICE CATASTALE: G629

CAP: 83015

♦♦♦♦♦♦♦♦♦♦♦♦♦♦♦♦♦♦♦♦♦♦

Codice iPA: c_g629

♦♦♦♦♦♦♦♦♦♦♦♦♦♦♦♦♦♦

Codice Univoco per Fatturazione Elettronica:

UFLC3D 

************************

CONTO DI TESORERIA UNICA PRESSO LA BANCA D’ITALIA

da utilizzare da parte di ENTI PUBBLICI

0304574 

IBAN:

IT62H0100003245420300304574

 

************************

IBAN Tesoreria:

BANCO BPM S.P.A.

IT57E0503475400000000089020

BIC: BAPPIT22XXX

******************
Indirizzo di Posta Elettronica Certificata: comune.pietrastornina@asmepec.it
::

Chiusura uffici per il

Santo Patrono (San Biagio):

3 febbraio

 

Uffici aperti anche il sabato:

Tributi/Finanziario - Anagrafe/S.C. - Polizia Municipale

 

Uffici chiusi il sabato:

Protocollo/Segreteria/Elettorale - Segretario Comunale - Ufficio Tecnico

Cambi di Residenza

Cambi di Residenza

RSS di - ANSA.it

Progetto ALI

Progetto ALI

Privacy e Note Legali

HTML 4.01 Valid CSS
Pagina caricata in : 0.358 secondi
Powered by Asmenet Campania